STRESS TENSIONE E MAL DI SCHIENA


Stress e tensione influiscono sulla nostra schiena?

I dolori cervicali, alle spalle e lombari sono spesso associati a problemi di postura scorretta. E’ solo questa la causa? No! in molti casi infatti a causare questi dolori possono essere problemi come: l’ansia, lo stress mal gestito e in generale un disequilibrio dell’aspetto emotivo.

Cosa succede quando assumiamo una postura scorretta?

Premesso che la nostra colonna vertebrale ha forma di doppia S, dovuta alla sua tipica curvatura. E’ formata dalle vertebre, separate tra loro da dischi intervertebrali che fungono da ammortizzatori.

La biomeccanica della postura che permette quindi i movimenti, è un meraviglioso congegno perfezionatosi nel corso dell’evoluzione, da quando lo sviluppo della muscolatura dell’anca ha reso possibile al Homo Erectus di assumere la posizione verticale, questo ha permesso più mobilità e diverse posture. Di conseguenza la probabilità di assumere posizioni sbagliate è aumentata. Alcune attività dell’uomo lo costringono spesso ad assumere la stessa posizione per lungo tempo. Di conseguenza i muscoli restano in tensione a lungo, cambia l’equilibrio posturale, che causa dolore  più o meno intenso e diversamente localizzato a seconda dei casi.

Conoscere bene l’anatomia della colonna vertebrale e fare attenzione  a piccole correzioni della postura durante l’arco della giornata lavorativa e non, può essere utile nel attenuare questo tipo di problemi. Ma ci sono anche altri importanti fattori da tenere in considerazione.

Stress e tensione possono incidere sul mal di schiena? 

Quando si avvertono dolori alla schiena e al collo, si tende a ricorrere all’uso di farmaci antidolorifici, se i dolori persistono uno specialista consiglia degli esami più approfonditi (Elettromiografie e Risonanze Magnetiche).

Ma questo tipo di esami si concentrano soprattutto sullo stato fisico del soggetto e si tende a tralasciare problemi psicologici legati allo stress, di conseguenza non si evidenziano particolari risultati negativi.

Nelle persone affette da dolore somatico e da mal di schiena, infatti, si è evidenziata anche una diretta correlazione tra l’insorgere del dolore e particolari condizioni di stress psicosociale o di conflitto interiore. Quindi tensione e stress, possono colpire direttamente la colonna vertebrale e soprattutto i  tratti lombare e cervicale.

Il dolore può essere causato da un malessere psico-fisico?

Alcune ricerche effettuate a campione su molti studenti, hanno evidenziato molti casi di forte mal di schiena dopo aver sostenuto un difficile esame. Il forte stress dovuto alla tensione accumulata e la posizione assunta in maniera prolungata e per tutto il tempo che si dedica alla preparazione dell’esame, danno origine a dolori nella zona lombare ed in particolare al muscolo PSOAS e al muscolo ILIACO e nella zona cervicale alla cosiddetta croce del collo, dove l’asse verticale del tratto cervicale interseca la linea orizzontale fra le due spalle composta da un  complesso  apparato di muscoli, tendini, e terminazioni nervose.

I muscoli in queste zone se continuamente stressati possono dare origine a cefalea muscolo-tensiva, contratture muscolari e dolori vari, ne soffrono soprattutto chi passa molte ore seduto a lavorare o studiare al PC e chi lavora per esempio sulle macchine da cucire.

Cosa fare in questi casi?

E’ opportuno effettuare i dovuti esami diagnostici, sotto la guida di uno specialista che gestirà il caso nella sua globalità. Attenzione però a non focalizzare l’attenzione solo sugli aspetti clinici del problema, optando per una valutazione anche psicologica tenendo conto delle caratteristiche di personalità del soggetto che riscontra questi problemi. Infatti questi aspetti possono recitare un ruolo importante nel determinare l’origine e la percezione del dolore.

Cosa fare in questi casi? Identificata la causa del problema, cercare di migliorare lo stile di vita, con una alimentazione sana, praticando dell’attività fisica, anche se non eccessiva ma costante, stare attenti alle posture che si assumono durante le diverse attività giornaliere, cercando sempre di assumere posizioni corrette a lavoro, quando si fanno sforzi, nel tempo libero e quando si riposa, un corretto riposo permette al fisico di rigenerarsi e recuperare le energie spese durante la giornata,  rilassando i muscoli.

Lascia un commento